India: la rimozione di un amministratore da un CdA in base al nuovo Companies Act 2013

L’implementazione da parte del Governo indiano del nuovo Companies Act 2013, la legge che regola il diritto societario, ha mutato il panorama normativo del Paese asiatico: l’introduzione delle nuove disposizioni si configura di particolare interesse, dal momento che riguarda anche le aziende straniere operanti nel Subcontinente.

Tra le principali novità vi sono le modifiche relative alle procedure per la rimozione di un amministratore dal Consiglio di Amministrazione di un’impresa, operazione che può essere effettuata proprio seguendo le norme incluse all’interno del Nuovo Companies Act.
Come deve comportarsi dunque una impresa intenzionata ad intraprendere un’azione di questo tipo?
In base a quanto stabilito da New Delhi, la sottosezione 2 della sezione 169 della nuova legge prevede che gli azionisti di un’azienda possono procedere alla rimozione di un amministratore, prima della scadenza del suo mandato, attraverso la "special notice". Questo avviso, che dovrà essere firmato dagli amministratori, deve essere consegnato all’azienda la quale invierà la convocazione di assemblea.

A seguire alcuni importanti passaggi:

L’avviso (Special Notice), che descrive l’intenzione di convocare un'assemblea per la rimozione dell’amministratore, deve essere inviato dai membri del CdA all’azienda almeno 14 giorni prima della riunione. Questo periodo di tempo, che non può superare i tre mesi, non include il giorno in cui viene effettuata la comunicazione e il giorno in cui è previsto lo svolgimento dell’incontro.

L'azienda, a seguito della ricezione della Special Notice, deve immediatamente darne avviso ai suoi membri; ciò deve avvenire almeno 7 giorni prima del giorno della riunione del CdA, escluso il giorno dell’invio della comunicazione e il giorno della seduta.

Qualora non fosse possibile per l'azienda trasmettere la notifica a tutti gli amministratori, l’avviso deve allora essere pubblicato per mezzo di un annuncio in lingua inglese all’interno di un giornale in lingua inglese e di annuncio in lingua locale su un giornale locale (a seconda del luogo e dello Stato indiano in cui ha sede la società); entrambi i giornali devono avere un’ampia diffusione nello Stato indiano in cui vi è la residenza legale della società. Tale comunicazione deve essere pubblicata anche sul sito web aziendale (nel caso in cui ve ne sia uno) almeno 7 giorni prima della riunione.

L’azienda deve inoltre inviare all’amministratore che verrà rimosso una copia della Special Notice. Lo stesso amministratore avrà la possibilità di essere ascoltato durante l’assemblea.

L’amministratore, a sua volta, può redigere una lettera di difesa e può chiedere all’azienda di trasmetterla agli altri membri del CdA: in tal caso, e qualora la dichiarazione dell’amministratore abbia una lunghezza ragionevole e non arrivi in ritardo, la società deve comunicare che tale lettera è stata correttamente ricevuta e deve inviarne copia ad ogni singolo membro, assieme all'avviso di convocazione dell’incontro; nel caso in cui la dichiarazione non arrivasse a destinazione o arrivasse in ritardo, l'azienda ha l’obbligo di leggerla (se l’amministratore dovesse farne richiesta). L’amministratore ha anche il diritto di tenere un discorso durante la seduta del Consiglio di Amministrazione.

L'azienda, una volta che avrà adempiuto ai compiti sopra menzionati, procederà dunque alla convocazione dell’assemblea per la delibera relativa alla rimozione dell’amministratore.

La notifica di rimozione dell’amministratore deve essere depositata presso il Registro delle Imprese locale entro 30 giorni dalla delibera.

Alessandro Fichera